Filiali bancarie e consulenza finanziaria

Il posto in banca fino a una quindicina di anni fa, era considerato  sinonimo di sicurezza, un lavoro ben retribuito, tranquillo addirittura, senza spinte, pressioni, noioso in certi casi.
Oggi gli impiegati bancari, quei  pochi rimasti e ancora meno in un prossimo futuro, sono meno garantiti  dal punto di vista lavorativo, sono continuamente pressati a vendere prodotti spesso in conflitto di interessi o, ancor peggio,  di prodotti non sempre adatti alla clientela cui si rivolgono.

Da un  recente studio effettuato dalla Federazione Bancaria della Cisl, che ha passato al vaglio il sistema bancario nazionale, è emerso che rispetto al 2010 in Italia ci sono 6.289 sportelli bancari in meno, il personale di rete è sceso di 26.249 addetti e ben 383 comuni sono rimasti totalmente privi di banche. Gli esodi per ora restano ancora volontari, spesso si ricorre al prepensionamento, non ci sono licenziamenti e non c’è cassa integrazione.

Grazie al Fondo di Solidarietà in 10 anni si sono gestiti tutti gli esodi.

Ma fino a quando si potrà andare avanti così?
Il futuro chiede cambiamenti:  si dovrà immaginare un innovativo  modello distributivo   che metta al centro figure professionali esclusivamente dedicate  alla consulenza finanziaria  e meno all’attività di sportello.

Il grosso delle operazioni viene svolto on-line per cui la vecchia figura dell’addetto risulta assolutamente inutile, obsoleta.

L’81% dei clienti utilizza ormai i canali digitali delle banche soprattutto per le operazioni e i pagamenti di tutti i giorni
Il percorso  è tracciato: nei prossimi anni si prevede la chiusura di metà degli attuali sportelli bancari e uno snellimento del personale. La tecnologia ha messo in crisi strutturale un intero sistema che da decenni funzionava bene e guadagnava tantissimo
Alla crisi strutturale di un sistema definito da molti “bancocentrico” si è affiancata una lunga fase economica caratterizzata  da bassi tassi di interesse,  che insieme alle rettifiche su crediti imposte dalla BCE per ammortizzare la zavorra degli NPL (non performing loans) ha profondamente minato la redditività delle banche.
La soluzione?

Ridursi e trasformarsi attraverso un cambio culturale e di mentalità profondo.
La novità quest’anno è arrivata da Intesa Sanpaolo che recentemente ha deciso di assumere 500 nuovi dipendenti da destinare all’attività di consulenza finanziaria attraverso  un contratto ibrido: un part-time da dipendente, a cui si aggiunge un inquadramento come lavoratore autonomo. È questo il segnale di cambiamento che apre la strada al futuro di molte reti bancarie italiane.



Lascia un commento