Pianificazione finanziaria e PIL mondiale

 

Il Pil mondiale è una linea che punta verso l’alto. E’ questa l’immagine che rappresenta l’andamento dell’economia globale da sempre. Prendendo in considerazione  gli ultimi 20 anni la corsa del Pil mondiale ha registrato una sola flessione, durante la crisi del  2009. Ciò vuol dire che i fattori contingenti non frenano la crescita.

l’Inghilterra può uscire dall’Unione Europea, i Paesi Emergenti possono rallentare la loro crescita, Portogallo e Grecia possono minare la tenuta del sistema, le Banche Centrali possono ridurre il Quantitative Easing, la crisi del sistema bancario  può ostacolare la produttività delle aziende. Ma nel suo complesso la crescita mondiale non si ferma.

L’Italia rappresenta solo il 2,5% del Pil mondiale, per cui non dobbiamo limitarci ad osservare ciò che succede intorno a noi.

E’ necessario alzare lo sguardo e renderci conto che a fronte di un ostacolo che condiziona negativamente un Paese, nascono nuovi stimoli che alimentano lo sviluppo di altri.

E volgendo la sguardo al prossimo futuro, la Banca Mondiale ha appena alzato le stime per l’anno in corso, stabilendo che nel 2018 la crescita economica globale salirà al 3,1% contro il 3% del 2017

E’ il progresso, la storia ce lo insegna: indietro non si torna.

Il consulente, quando sviluppa una  pianificazione  finanziaria ,  gioca un ruolo fondamentale nel rapporto con il cliente: accompagna il risparmiatore verso soluzioni  che tengano conto dei fattori che muovono il mercato, scegliendo soluzioni che vadano nella giusta direzione.

Chi conosce bene il mercato, questo  lo sa



Lascia un commento