Pianificazione Patrimoniale

 

La pianificazione patrimoniale è quel processo attraverso il quale un asset è detenuto e sviluppato nell’interesse del suo proprietario e delle generazioni successive. Il passaggio dei patrimoni da una generazione all’altra caratterizza sempre di più la nostra industria italiana di riferimento.

La  governance generazionale è diventata cruciale per lo sviluppo delle attività delle famiglie che detengono imprese in Italia (e non solo in Italia!).

Il complesso sistema impresa-famiglia-patrimonio deve diventare il risultato di un’accurata pianificazione che coordini queste tre dimensioni di una medesima realtà. La pianificazione successoria e il passaggio generazionale devono avere lo stesso obiettivo: tutelare il patrimonio di famiglia nel passaggio da una generazione all’altra.

E questo diventa ancora più cruciale se si pensa che in Italia sono numerosissime le aziende a proprietà familiare, dove l’imprenditore non  affronta per tempo la questione del passaggio alle generazioni future. Un recente studio ha evidenziato come proprio il passaggio generazionale è  la causa della scarsa sopravvivenza di molte aziende: solo il 30% delle aziende familiari sopravvive al suo fondatore, il 13% riesce ad arrivare alla terza generazione e solo il 4% arriva alla quarta.

Si tratta quindi di un problema cruciale: il 23% degli imprenditori italiani ha più di 70 anni e solo il 2,3% delle aziende italiane affronta la questione del passaggio tra generazioni.

Spesso, pur in presenza di attività mirate alla gestione del family business, i legami familiari diventano purtroppo elemento di indebolimento dell’intera impalcatura. Perché? Perché non è facile trovare il giusto equilibrio tra valori commerciali e familiari.

Vanno seguite regole chiave di best practice:

  • Distinguere tra famiglia e affari e ragionare in quest’ottica
  • Migliorare la governance aziendale con l’obiettivo di  ottimizzazione i processi
  • Dare risalto ai meriti piuttosto che ai legami familiari
  • Stabilire un piano di avvicendamento tra diverse generazioni
  • Stabilire regole atte ad estromettere (con regolari buonuscite s’intende) soggetti “indesiderati”
  • Inserire all’interno dell’azienda anche terze persone, professionalmente preparate, che affianchino le nuove generazioni nel processo di passaggio e nella governance

E’ pur vero che la gestione del family business è un’attività che va svolta da specialisti: le dinamiche aziendali vanno co-gestite da professionisti esperti  in campo fiscale,  in campo successorio e finanziario.

Gli sforzi vanno orientati verso molteplici direzioni, tutte coordinate tra loro, con lo sguardo rivolto :

  • all’asset familiare inteso come insieme di rapporti di natura familiare , idee diverse, stili di vita diversi, valori spesso differenti da soggetto a soggetto
  • all’zienda familiare alla quale si collegano vari livelli di capacità decisionale, attitudine al rischio, opportunità di guadagni e/o di perdite, responsabilità
  • al patrimonio che è l’insieme di beni mobili, immobili, liquidi e intangibili

Spesso la presenza di consulenti esperti  favorisce l’ottimizzazione dei  processi di corporate governance e corporate finance.

Operazioni  di ingegneria finanziaria risultano la via più conveniente per favorire il ricambio generazionale dando spesso vita ad operazioni di ingresso o uscita di familiari. Tutto ovviamente nel rispetto della normativa vigente, compresa quella fiscale e laddove possibile, ottimizzando i vantaggi di natura finanziaria. Non dimentichiamo che l’azienda necessita continuamente di risorse necessarie alla gestione aziendale e la presenza di un consulente che guidi questi processi puo’ rivelarsi la migliore soluzione

Lascia un commento

La pianificazione patrimoniale è quel processo attraverso il quale un asset è detenuto e sviluppato nell’interesse del suo proprietario e delle generazioni successive. Il passaggio dei patrimoni da una generazione all’altra caratterizza sempre di più la nostra industria italiana di riferimento. La  governance generazionale è diventata cruciale per lo sviluppo delle attività delle famiglie che detengono imprese in Italia (e non solo in Italia!). Il complesso sistema impresa-famiglia-patrimonio deve diventare il risultato di un’accurata pianificazione che coordini queste tre dimensioni di una medesima realtà. La pianificazione successoria e il passaggio generazionale devono avere lo stesso obiettivo: tutelare il patrimonio di famiglia nel passaggio da una generazione all’altra.

Per questo motivo è importante avere al proprio fianco un consulente che guidi l’imprenditore nelle varie fasi di scelta e gestione di un evento tanto importante quanto delicato  all’interno di una famiglia e dell’azienda rappresentato dal passaggio generazionale.

In Italia sono numerosissime le aziende a proprietà familiare, dove l’imprenditore non  affronta per tempo la questione del passaggio alle generazioni future. Un recente studio ha evidenziato come proprio il passaggio generazionale è  la causa della scarsa sopravvivenza di molte aziende: solo il 30% delle aziende familiari sopravvive al suo fondatore, il 13% riesce ad arrivare alla terza generazione e solo il 4% arriva alla quarta.