RITA – anticipo pensione integrativa

Linda Caroli DiLinda Caroli

RITA – anticipo pensione integrativa

 

 

Cos’è RITA?

E’ uno strumento introdotto con la Legge Finanziaria 2017 insieme  all’APE agevolato e all’APE volontario per  contribuire alla  flessibilità in uscita  a seguito dell’introduzione della Legge Fornero e  senza gravare sulle casse dello Stato.

Una  rendita integrativa temporanea anticipata  (RITA) attraverso la quale i soggetti cessati dal lavoro e in possesso dei requisiti per l’accesso all’APE e che devono essere certificati dall’INPS, possono riscuotere in via anticipata le prestazioni della previdenza integrativa  fino al conseguimento dei requisiti pensionistici del regime obbligatorio.

Si tratta di un “reddito ponte”, erogato dal Fondo di previdenza complementare cui il lavoratore è iscritto e nel quale ha contribuito e  che può essere abbinato all’APE volontaria o all’APE sociale. Va valutato bene se richiederla oppure no perchè se si riscuote in anticipo il capitale accumulato nel fondo integrativo si riduce e di conseguenza si abbatte il valore della rendita che il lavoratore percepirà  una volta raggiunti i requisiti per richiedere  la pensione di vecchiaia

I requisiti  per ottenere la RITA  sono diversi

  1. cessazione dell’attività lavorativa;
  2. raggiungimento dell’età anagrafica per la pensione di vecchiaia entro i cinque anni successivi alla cessazione dell’attività lavorativa;
  3. maturazione di un requisito contributivo complessivo di almeno venti anni nei regimi obbligatori di appartenenza;
  4. maturazione di cinque anni di partecipazione alle forme pensionistiche complementari;

oppure

  1. cessazione dell’attività lavorativa;
  2. non occupazione per oltre due anni  nel periodo successivo alla cessazione dell’attività lavorativa
  3. raggiungimento dell’età anagrafica per la pensione di vecchiaia nel regime obbligatorio di appartenenza entro i dieci anni successivi al compimento del termine di cui alla lett. b);
  4. maturazione di cinque anni di partecipazione alle forme pensionistiche complementari.

Richiedere la RITA comporta anche un interessante vantaggio fiscale in quanto la rendita è soggetta  a tassazione con  l’aliquota del 15% che si riduce  dello 0,3% per ogni anno eccedente il quindicesimo anno di partecipazione al Fondo sino ad abbassare l’aliquota sostitutiva al 9%.

Info sull'autore

Linda Caroli

Linda Caroli administrator